Slide background

PROGETTO POL.I.S: DENUNCIATO IL COMUNE DI ATRIPALDA.

Un progetto mai realizzato, ore di normale servizio destinate alla realizzazione di POL.I.S., questo è quanto emergerebbe dalla denuncia fatta all’Ufficio del Lavoro. Dopo l’esposto presentato presso la Procura della Repubblica, anche l’Ispettorato del Lavoro piomba sul progetto della Polizia Municipale.
E’ di queste ore la notizia che un dipendente comunale, ha presentato formalmente un esposto presso l’Ispettorato del Lavoro di Avellino, per rivendicare le spettanze delle ore lavorate e mai retribuite, gli interessi maturati ed i contributi previdenziali, in merito proprio al progetto svolto nel 2014, tra giugno e dicembre. Gli emolumenti congelati dal 2014 non sono mai stati corrisposti agli agenti, i quali sicuramente hanno svolto le ore di lavoro, ma a quanto pare non per il progetto. Come si ricorderà, POL.I.S. doveva assegnare ai partecipanti (4/5 vigili urbani), la somma complessiva di 26.000 euro. Le finalità dello stesso, riguardavano il potenziamento della sicurezza stradale ed urbana, del controllo del territorio e dei servizi notturni per il contrasto all’uso di alcool e di sostanze stupefacenti. La denuncia, molto dettagliata presentata all’ufficio del Lavoro, evidenzia ancor di più il maldestro tentativo di far intascare ai partecipanti, oltre allo stipendio, e forse anche allo straordinario svolto nei mesi in cui è stato istituito il progetto, la somma a testa di qualche migliaia di euro extra, soldi pubblici che sarebbero potuti servire per fare altro.
Scendendo nei particolari, è opportuno leggere con molta attenzione quello che il denunciante ha dichiarato dinanzi all’Ispettore:
“Nel giugno 2014 ho aderito, in qualità di dipendente comunale di Atripalda, al progetto denominato POL.I.S., preciso, inoltre, che detto progetto si è interrotto il 7 ottobre 2014 per la mancanza di concertazione sindacale. Nel periodo del progetto non ho mai svolto le mansioni finalizzate al progetto in questione, se non quelle del mio effettivo servizio”.
Comandante Giannetta, vuole querelare anche questo dipendente, come ha fatto in precedenza con la nostra redazione, per aver detto dinanzi ad un pubblico ufficiale solo e soltanto la verità?
e-max.it: your social media marketing partner