Slide background

Bologna-Avellino 2-3: l’impresa dei lupi si frantuma sulla traversa colpita da Castaldo al 94°…

Finisce così, con Castaldo che piange imprecando contro la traversa colpita al 94° e i 3mila tifosi biancoverdi che applaudono i loro beniamini, divenuti eroi, dopo la “quasi impresa del “Dall’Ara”…
Bologna-Avellino finisce 2-3 e con questo risultato il Bologna vola in finale dove incontrerà la vincente del match tra Vicenza e Pescara mentre l’Avellino abbandona la corsa al sogno chiamato serie A ma torna a casa a testa altissima.
La partita del “Dall’Ara” è stata semplicemente spettacolare: l’Avellino ha fatto una partita da 110 e lode mentre il Bologna è stato bravo a sfruttare il minimo errore degli avversari ed è stato aiutato dalla Dea bendata: dopo i gol di Trotta e Acquafresca nei primi minuti di gioco, i lupi tornano di nuovo in vantaggio verso la fine della prima frazione di gioco ancora con Trotta prima di farsi raggiungere, ancora una volta nel secondo tempo, da Cacia che sfrutta un errore di un Frattali, fin a quel momento miracoloso.
Ma questo Avellino non muore mai: a 5 minuti dalla fine Kone segna un gol pazzesco e Castaldo all’ultimo respiro sfiora il gol che avrebbe consentito ai lupi di fare una impresa davvero miracolosa.
Capitolo promossi e bocciati: nel Bologna bene Acquafresca e Cacia, autore delle due reti e Kristicic nei panni di assistman mentre tra le fila degli irpini tutti promossi ma sul podio mettiamo Trotta, Kone e Frattali nonostante l’errore nella ripresa.
Chiosa sugli allenatori: il Bologna di Rossi non convince e c’è ancora molto lavoro da fare in vista della finalissima mentre Rastelli può essere orgoglioso del suo Avellino e della sua stagione.
Il tecnico irpino avrà un futuro da “top coach”: scommettiamo?
La cronaca del match
Nel primo tempo l’Avellino mette subito “le cose a posto”: la lancetta dell’orologio è ferma al 6° minuto, Zito si invola sulla sinistra e mette una palla d’oro al centro sulla quale Trotta, bruciando l’ingenuo Ferrari, si avventa e di destra batte l’incolpevole Da Costa.
Dopo il gol del centravanti irpino la partita esplode: al 13° Matuzalem impegna Frattali dalla distanza e al 20° Acquafresca, lanciato da Kristicic brucia l’estremo difensore irpino con un diagonale chirurgico.
Partita senza pause: Frattali si supera prima al 26° sul diagonale ravvicinato di Sansone, poi al 27°, con l’aiuto di Ely, sul tiro a botta sicuro di Laribi ed infine al 30° con un intervento di reni mostruoso su colpo di testa a botta sicura di Acquafresca su cross di Masina.
Dopo il Frattali-show la partita sembra scivolare stancamente verso la fine del primo tempo ma al minuto 45 Trotta, servito da Regoli, prende palla in area, si gira e buca Da Costa con una saetta che si infila nell’angolino basso alla sinistra del portiere brasiliano.
Il secondo tempo inizia sulla falsa riga del primo tempo: al 50° “frittatona di Frattali” che sbaglia il rinvio in uscita e offre un assist involontario a Cacia che da centrocampo infila la porta dell’Avellino con un preciso pallonetto.
L’Avellino però non si arrende, Rastelli lancia nella mischia anche Comi e Trotta ed all’85° Kone si inventa l’eurogol del 2-3 con un destro al volo da fuori area che fa crollare la porta di Da Costa.
Gli irpini a questo punto si lanciano alla disperata nell’area felsinea ed al 94° il bomber Castaldo, su assist di Comi, spara sulla traversa il gol del 2-4 che avrebbe regalato all’Avellino una clamorosa finale play-off!
Dopo 5 minuti di recupero l’arbitro Mariani fischia la fine dell’incontro: il Bologna ringrazia la Dea bendata e va in finale mentre i giocatori dell’Avellino prima si abbandonano alle lacrime e poi vanno a ringraziare gli splendidi tifosi biancoverdi che quest’oggi hanno accompagnato in 3.000 i loro beniamini al “Dall’Ara”.
Il tabellino del match
Bologna(4-3-1-2): Da Costa; Mbaye, Oikonomou, Ferrari, Masina; Casarini (79°Buchel), Matuzalem, Laribi; Krsticic (51° Maietta); Acquafresca (46° Cacia), Sansone.
A disposizione: Coppola, Garics, Ceccarelli, Morleo, Improta, Mancosu. Allenatore: Rossi.
Avellino (4-4-2): Frattali; Bittante, Ely, Vergara, Visconti; Regoli (53° Almici), Kone, Arini, Zito (65°Castaldo); Mokulu (56° Comi), Trotta.
A disposizione: Gomis, Fabbro, Sbaffo, Schiavon, Filkor, Angeli, Castaldo. Allenatore: Rastelli
Stadio: “Dall’Ara” di Bologna
Arbitro: Maurizio Mariani (Sezione di Aprilia)
Guardalinee: Luca Mondin (Sezione di Treviso) e Pasquale De Meo (Sezione di Foggia)
Assistenti: Aleandro Di Paolo - Riccardo Pinzani Marcatori: 6° e 45° Trotta (A), 20° Acquafresca (B), 50° Cacia (B), 85°Kone (A)
Ammoniti: Laribi, Da Costa, Oikonomu, Buchel, Masina, Sansone (B), Castaldo, Kone, Bittante, Arini (A)
Le pagelle di impresadiretta.net
Avellino
Frattali 7,5 L’errore in occasione del gol di Cacia rovina solo in parte una prova sublime: i miracoli nel primo tempo mantengono l’Avellino aggrappato al match e la parata su Acquafresca ricorda quella di Buffon su Zidane nella finale dei Mondiali del 2006….Pazzesco!
Bittante 7 Spinge sulla destra e, per poco, non riesce a chiudere su Acquafresca in occasione del gol dell’1-1 con una diagonale da perfetta scuola calcio. Promosso!
Ely 7 Eroico, elegante, propositivo: l’esempio del perfetto difensore. Sarà contento Mino Raiola…Stiloso!
Vergara 7 Se gli infortuni lo lasceranno in pace, farà carriera…Partita senza sbavature, la difesa irpina sbanda solo per 10 minuti nel primo tempo ma per tutto il resto del match rende vani gli attacchi delle punte emiliane. Futuristico!
Visconti 7 Co-protagonista con Zito nell’azione che manda in rete Trotta nel primo tempo: spinge e crossa come un forsennato sulla sinistra…Stantuffo! Kone 7,5 Il gol del 2-3 vale il prezzo del biglietto: classe, coordinazione e potenza. A contorno di una partita tutto cuore e grinta. Ritrovato!
Arini 7 “Una vita da mediano”…anche oggi il centrocampista irpino morde le caviglie degli avversari e appoggia l’azione offensiva dei lupi…Continuo! Regoli 6,5 Serve a Trotta la palla dell’1-2 e contribuisce al perfetto primo tempo dei lupi con il suo continuo spingere sulla destra che costringe spesso Mbaye a rinculare in difesa. Propositivo!
Zito 7 L’assist a Trotta in occasione dello 0-1 e la solita grinta e classe: Altra categoria”
Mokulu 6,5 Il solito lottatore tutto sponde e assist. Hulk!
Trotta 9 E’ tornato a galoppare: torna al gol dopo un mese e mezzo e realizza una doppietta. Primo gol di rapina alla Inzaghi, secondo di classe alla Mancini. E per poco, nel recupero, non segna il terzo gol con un bolide dalla distanza. Gioiello!
Almici 7 Un martello sulla destra, Quando entra in campo Masina sembra un pugile all’angolo…Martellante!
Comi 6,5 Lotta continua e assist per il quasi 2-4 di Castaldo…Quasi decisivo!
Castaldo 7,5 Forse sognerà quella traversa per anni perché per pochi centimetri il suo Avellino non è in finale…Entra in campo mezzo infortunato ma lotta come un leone e per poco non realizza il gol decisivo. Le sue lacrime a fine partita gridano vendetta…Commovente!
Rastelli 9,5 Il voto è per la partita di oggi, in cui ha incartato il più quotato Rossi, e per la stagione passata: questa squadra, forse, non aveva un organico per lottare per la serie A ma per poco non porta i suoi ragazzi alla finalissima. Alla vigilia del match, quando parlava di impresa, lo prendevano per pazzo ma la sua pazzia si è trasformata in coraggio. Complimenti mister…
Bologna
Bologna: Da Costa 6; Mbaye 5,5, Oikonomou 5,5, Ferrari 5, Masina 5,5; Casarini 5,5 (79°Buchel s.v.), Matuzalem 6, Laribi 6; Krsticic 6,5 (51° Maietta 6); Acquafresca 6,5 (46° Cacia 6,5), Sansone 5,5. Allenatore: Rossi 5,5
Arbitro: Mariani 5,5 Ha il cartellino giallo troppo facile ma non commette errori eclatanti
e-max.it: your social media marketing partner